Precedente
Successivo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr

40°anniversario della Frana di Pagafone: per non dimenticare – Fuipiano

La chiesetta di Pagafone. Gentile concessione del sig. Marzio
La chiesetta di Pagafone, su gentile concessione del sig. Marzio.

Nel 2016 ricorrono i 40 anni dalla frana che distrusse Pagafone, frazione di Fuipiano Imagna.

È stata una grande tragedia, che ha lasciato nel paese una ferita ancora aperta: ricordare è un dovere, per tutti i valdimagnini!

Pagafone: vita di confine, agricoltura e piode  

Nel video-ricordo di Pagafone viene raccontata la storia di una borgo che racchiudeva in sé le tradizioni della Valle Imagna.

L’insediamento risale alla fine del seicento, quando la Repubblica di Venezia incentivò una politica di sviluppo agricolo e pastorale del territorio.

La particolare conformazione della frazione, che lo rese affascinante per secoli, era dovuta alla sua posizione di frontiera: la vicinanza con lo Stato di Milano rendeva necessarie le fortificazioni, con grandi portoni che proteggevano gli edifici.

“Sempre per motivi di sicurezza il passaggio da un piano all’altro era garantito da un ardito sistema di scale che consentiva di passare da una lobbia all’altra senza uscire”: così vengono descritte le case dal sig. Marzio, curatore dell’omaggio a Pagafone.

Il borgo era fortemente vissuto, con stalle, fienili, una piccola chiesa e il mulino, a cui arrivava l’acqua dalla valle.

Gli edifici erano costruiti con tetti in piode, secondo le più genuine tradizioni valdimagnine.

Pagafone è stata una tranquilla frazione dell’alta Valle Imagna, fino a quando una frana ne distrusse il destino.

Novembre 1976: le forze della natura distruggono Pagafone

La tragica fine del piccolo borgo si consuma nei primi giorni di Novembre del 1976, quando un enorme massa di detriti trascinò a valle case, strade e boschi, senza lasciar alcuno scampo alla frazione, che venne letteralmente cancellata.

I resti rimangono, nel paese e nel cuore della gente: ancora oggi è possibile vedere quello che rimane della strada e delle case, a molti metri di distanza dalla loro sede originaria.

La frana di Pagafone ha lasciato un segno indelebile a chi perse l’abitazione, al paese di Fuipiano e a tutta la valle: dimenticare vuol dire perdere un pezzo della storia di tutti!

Per tenerti informato sugli eventi in Valle Imagna, continua a seguire vallimagna.com.

 

 

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
CIBO CRUDO
Precedente
Successivo

Ti potrebbe interessare.....